• MB_Sfondo sotto il menù

Fisioanalogia

la relazione che unisce mente e corpo secondo l'interpretazione benemegliana

  • Uno dei grandi obiettivi del genere umano dovrebbe essere la morte naturale. La morte per malattia è una dinamica sbagliata, non fisiologica, segnale di un malfunzionamento del sistema emotivo dell'individuo. Il negoziato analogico, modalità di intervento tipica del problem solving di tipo analogico, si rivela essere una valida soluzione nell'interruzione di questo meccanismo errato. - cit.Stefano Benemeglio
  • La Fisioanalogia

    La Fisioanalogia

    La fisioanalogia, ultima creatura frutto dei più recenti studi di Stefano Benemeglio, focalizza l’attenzione sulla relazione che unisce mente e corpo nello sviluppo delle somatizzazioni e della malattia fisica, la cui interpretazione è stata ed è tutt’oggi oggetto di un numero sempre più ampio di discipline che popolano il panorama del benessere e della salute. L’innovazione di cui è portatore l’approccio benemegliano è il distaccarsi nell’analisi della malattia ricercando le cause che ne sono responsabili effettuando una vera e propria indagine nel passato emozionale dell'individuo.
    Secondo l'approccio analogico, la malattia è considerata come conseguenza di eventi, fatti ed episodi che hanno prodotto accumuli energetici di sofferenza o di rabbia/rancori i quali, essendo rimasti inespressi, subiscono una compressione tale da esplodere, in momenti successivi, in forme nocive e dannose per la salute dell'individuo.
    Ricercare pertanto nel passato emozionale con l'obiettivo di individuare quale sia stata l'origine di questi "nodi" energetici al fine di poter poi attivare un intervento che favorisca il loro scioglimento è la strada maestra per ottenere la risoluzione del disagio che affligge l'individuo nel momento contingente, sia che esso si manifesti sotto forma di disturbo dell’emotività e del comportamento che di malattia.
    Nel percorso orientato alla risoluzione del disagio che si presenta in particolar modo in qualità di malattia organica o funzionale, le prassi analogiche si distaccano completamente dal concetto di cura medica o farmacologica, la cui competenza appartiene a figure professionali differenti operanti in contesti altrettanto diversi per settore e prassi operative, optando per un approccio "olistico" piuttosto che allopatico.
    La fisioanalogia, ultima creatura frutto degli studi e delle ricerche condotte da Stefano Benemeglio, è portatrice di un connotato così distintivo da consentirgli di puntare, viaggiando tra speranza e realtà, alla grande meta della guarigione dalla malattia avvalendosi strumenti operativi unici, non comuni ad altri metodi di risoluzione del disagio e soprattutto dotati di una rapidità e di una innovazione che non conosce eguali.

  • .

  • .